Stephen King ci svela come diventare un bravo scrittore

Sapete, non tutti amano leggere Stephen King, probabilmente per carenze nel Q.I. oppure per essere un amante di Twilight, ma che vi aggradi o no, è uno scrittore di successo che, credetemi, sa come si maneggiano le parole.
In un’intervista il signor King, che occasionalmente chiamerò “lo Ste” (siamo amici sapete?), ci ha detto la sua riguardo agli scrittori esordienti e a tutte le difficoltà che esistono, comuni e variabili a seconda del paese, per uscire dalla massa e farsi notare da qualche casa editrice decente che non tenti di fregarci i diritti dei manoscritti.

In ogni caso mi sento di condividere tutti questi punti e lo farete anche voi. Grazie Ste.

 

Stephen King

 

1# Smettetela di guardare la Tv e leggete tanto. Secondo lo Ste, la televisione è “veleno per la creatività” e se aspirate a diventare dei bravi scrittori dovrebbe essere la prima cosa a sparire da casa vostra o ad essere evitata. Sappiamo tutti quanto la televisione aiuti a spegnere il cervello e nonostante a volte sia un toccasana, non è sicuramente eccezionale per chi di fantasia e scrittura vuol vivere.

2# Preparatevi per più critiche e fallimenti di quelli che pensate di poter gestire. Restate positivi e continuate a fare quello che vi piace, ovvio, questo non è un pretesto per non ascoltare i consigli e continuare a scrivere merda spacciandosi per scrittori, ma se siete persone minimamente intelligenti, saprete distinguere chi ascoltare e chi no.

3# Non perdete tempo a cercare di compiacere i lettori. I criticoni, i tuttologhi e i rosiconi sono sempre esistiti e sempre esisteranno, quindi non cercate di essere perfetti, anche se raggiungerete quel livello, qualcuno si lamenterà anche di questo.

4# Prima di tutto scrivete per voi stessi. Se scrivete per gli altri o perchè fa figo, credetemi, avete sbagliato tutto.

5# Affrontare le cose che sono le più difficili da scrivere. Non prendete alla leggera le cose importanti da scrivere, metteteci tempo e passione, anche fosse per una sola parola. Molti libri o film si ricordano unicamente per una frase o per un modo di dire, quindi, non abbiate tempo, tanto la vostra casa editrice che vi mette fretta per la consegna ancora non esiste.

6# Quando scrivete, isolatevi dal resto del mondo. Non distraetevi, non deve parlare nessuno mentre scrivete, è concessa unicamente la musica, giusta e al volume giusto. Almeno durante le prime stesure, e no, non valgono neanche le serie TV di sottofondo, vero Charlie? King afferma: “Scrivi con la porta chiusa; riscrivi con la porta aperta”

7# Non siate pretenziosi. Nel vostro libro non usate parole difficili o simbolismi inutili, che rendono il vostro linguaggio artificioso. Insomma, per come lo direi ad un amico, non sei un cazzo di nessuno, non t’atteggiare.

8# Evitate gli avverbi e i paragrafi lunghi. Per lo Ste “la strada per l’inferno è lastricata di avverbi”. Meglio evitarli.  Ricordate anche che i paragrafi non devono essere troppo lunghi, ma devono rispecchiare il ritmo della vostra storia.

9# Non fatevi ossessionare troppo dalla grammatica. Lo scopo di un libro di narrativa non è la correttezza grammaticale, ma di raccontare una storia al lettore coinvolgendolo e facendogli allo stesso tempo dimenticare che sta leggendo una storia. Ovviamente questo non vuol dire che potete scrivere in itagliano, ma pensateci in un secondo momento, o vi si bloccherà tutta l’ispirazione.

10# Padroneggiate l’arte della descrizione. “La descrizione inizia nella mente dello scrittore e deve finire in quella del lettore”. Il modo migliore per farlo è visualizzare quello che avete immaginato e “tradurlo” sulla carta usando parole semplici.

11# Non date troppe informazioni inutili. Usate l’essenziale. Includete nella vostra storia solo i dettagli davvero utili per farla andare avanti e per spingere il lettore a continuare a leggere.

12# Raccontare storie su quello che la gente fa realmente. Anche un assassino nella realtà può aiutare una signora anziana ad attraversare una strada. Quindi descrivete i personaggi della vostra storia tenendo conto di tutte le loro possibili dimensioni e di quello che potrebbero fare veramente nella vita di tutti i giorni. Insomma, stereotipare va bene fino ad un certo punto.

13# Correte qualche rischio.Smettete di usare la forma passiva. “Scrivete qualsiasi cosa vi piaccia, anche se noiosa o oltraggiosa. Se funziona, bene; se non funziona, buttatela”.

14# Dimenticate i miti e realizzate che non vi servono droga e alcool per diventare bravi scrittori. Se la pensate in questa maniera siete dei falliti…e P.S. Fatene uso solo se siete musicisti.

15# Non cercate di rubare la voce di qualcun altro. Se cercherete di imitare lo stile di un alto scrittore non otterrete altro che una “banale imitazione”, una copia senz’anima.

16# Cercate di capire che la scrittura è una forma di telepatia. Dovete trasferire i vostri pensieri nella testa del lettore, il vostro potere sono le parole. Capitelo.

17# Prendete la scrittura seriamente. Potete iniziare a scrivere con speranza, eccitazione o nervosismo, ma non dovete mai farlo alla leggera.

18# Scrivete tutti i giorni. Tutto ciò in cui si vuole migliorare e fare carriera necessita di allenamento e costanza: sport, musica, lavoro. Non è diversa la scrittura.

19# Scrivete la prima versione in non più di tre mesi. Secondo King è meglio scrivere la prima bozza di un libro entro 3 mesi, altrimenti la storia inizia a dare una strana sensazione di estraneità.

20# Quando avete finito di scrivere prendete una pausa di circa sei settimane. Tornerete sul libro a mente fresca e vi sarà più facile scovare eventuali vuoti nella trama o nello sviluppo dei personaggi.

21# Abbiate il coraggio di tagliare il superfluo. So che fa male eliminare qualcosa che abbiamo prodotto noi stessi, sopratutto se ci piace, ma trovate questo coraggio, le parti inutili tagliatele, se ovviamente vorrete far leggere il manoscritto a qualcuno oltre che a vostra mamma.

22# Tenetevi in forma, trovate una relazione stabile e vivete una bella vita. Secondo King per diventare bravi scrittori è importante trovare il giusto equilibrio nella propria vita, in modo che la scrittura non consumi tutto.

Ognissanti, dall'alba dei tempi al mondo di oggi... "È il giorno in cui ci si
C'era un tempo in cui si leggevano parole di inchiostro nero su bianche pagine, tempi
Che cos'è una fanfiction? Come e da dove nascono? E perché IoVoceNarrante ha deciso di aprire una
Mentre molti di voi si scazzottano per una partita dove 11 dubbi esseri umani inseguono
Sapete, come sempre mi piace cazzeggiare su internet. Mai nessun luogo è stato così meravigliosamente

The following two tabs change content below.

Dario Pasin

IoVoceNarrante cercava scrittori di talento, colmi di passione e con grandi capacità che volessero far notare al pubblico quanto loro valgono. Io cosa c'entro in tutto questo? Assolutamente nulla, per questo ne sono il fondatore.
Informazioni su Dario Pasin 32 Articoli

IoVoceNarrante cercava scrittori di talento, colmi di passione e con grandi capacità che volessero far notare al pubblico quanto loro valgono.
Io cosa c’entro in tutto questo? Assolutamente nulla, per questo ne sono il fondatore.

Contatto: Facebook

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


error: Content is protected by copywright !!