Manuale del guerriero della luce: Saggezza in pillole

Un guerriero della luce presta attenzione agli occhi di un bambino. Perché quegli occhi sanno vedere il mondo senza amarezza.

Quando il paesaggio è grigio e uggioso, magari piovoso e freddo, in un Maggio che ha smarrito calore e raggi di sole, devi avere forza e coraggio per alzarti dal letto. Forza e coraggio per ripartire, mentre tutto scorre in un torpore generale. Guardi il cielo e guardi un libro, anzi, IL libro. Paulo Coelho ha tracciato la strada, le basi per diventare un guerriero della luce.

Tu sei triste. E ciò dimostra che la tua anima è ancora viva.

Che cos’è un guerriero della luce? Un eroe, una figura carismatica in grado di adattarsi al mondo, ma di essere fermo come una roccia nel vento. L’autore è un maestro, il testo è conosciuto, leggerlo è un obbligo.
Lo scrittore portoghese riesce a legare empaticamente con il lettore, lo guida, lo illumina, lo tramortisce. L’effetto che ne deriva è paragonabile all’impatto di Hesse per un essere umano di fronte a un bivio nella propria vita e può spingere a superare i propri limiti e ripartire da capo.

Un guerriero della luce non ha mai fretta. Il tempo lavora a suo favore: egli impara a dominare l’impazienza, ed evita gesti avventati.

Non ho mai apprezzato i manuali di autoaiuto, ho sempre guardato con diffidenza i libri pieni di filosofia spiccia e psicologia minimale, eppure ci sono piccole perle piene d’insegnamenti. In poche pagine si possono trovare le energie di una vita. Da tenere sul comodino, nello zaino o magari in borsetta. Pronto a essere tirato fuori, quando il sorriso si capovolge.

Un guerriero responsabile non è quello che si prende sulle spalle il peso del mondo. È colui che ha imparato ad affrontare le sfide del momento.

Chi è un guerriero della luce? Un uomo normale, qualcuno con il peso della propria sofferenza sul cuore, ma con la forza di volontà di rialzarsi.
Perché non è necessario smuovere le montagne per essere forti, non serve sfidare la morte con una divisa addosso per essere coraggiosi e non bisogna salvare una vita per essere eroi. A volte basta alzarsi dal letto e fare la cosa giusta per cambiare faccia alla propria vita al mondo. E Coelho lo sa…

Un guerriero non può abbassare la testa, altrimenti perde di vista l’orizzonte dei suoi sogni.

134 pensieri, 134 piccoli sogni a occhi aperti…

Le onde si infrangevano violente sugli scogli, il vento freddo dell’inverno passava tra le fronde,
Mia madre vuole che lo lasci andare coi Guardiani della Notte. Privato di titoli e
Luce. Finalmente, dopo ore di buio e odore di catrame e petrolio. L’aria fredda e
Era il 1985 quando in Giappone vide la luce un manga che avrebbe cambiato definitivamente
Macbeth, una tragedia di Shakespeare che indaga nei meandri più oscuri dell’animo umano, tra la

The following two tabs change content below.

Francesco C. Inverso

Se fossi un libro sarei ‘Siddharta’ di Hermann Hesse, se fossi una canzone sarei ‘Something pretty’ di Patrick Park, se fossi un film sarei ‘La ricerca della felicità’ di Gabriele Muccino. Vita e morte, sole e luna, bene e male, Inter e Juventus, a caccia di una dicotomia ancora da scrivere, guardando il mondo con gli occhi di un sognatore che vorrebbe viaggiare nel tempo.

Ultimi post di Francesco C. Inverso (vedi tutti)

Informazioni su Francesco C. Inverso 32 Articoli

Se fossi un libro sarei ‘Siddharta’ di Hermann Hesse, se fossi una canzone sarei ‘Something pretty’ di Patrick Park, se fossi un film sarei ‘La ricerca della felicità’ di Gabriele Muccino.
Vita e morte, sole e luna, bene e male, Inter e Juventus, a caccia di una dicotomia ancora da scrivere, guardando il mondo con gli occhi di un sognatore che vorrebbe viaggiare nel tempo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


error: Content is protected by copywright !!