Le 10 scaramanzie più diffuse fra i lettori

Questa sera ho finito di leggere e posando il libro mi sono accorto che ho una posizione e una modalità ben precise da usare. Il libro deve essere perfettamente parallelo ai lati del mobile a cui è appoggiato (ovviamente se disteso) e deve essere posato facendo toccare tutto il suo corpo immediatamente sulla superficie, non prima sopra e poi sotto…menate mentali lo so, ma grazie a questa compulsione, mi sono messo a pensare a tutte quelle piccole scaramanzie di cui sono venuto a conoscenza durante la mia vita e, dopo aver fatto un po’ da setaccio, ho voluto mettere quelle più comuni in una lista.
La 9 ad esempio, è un’altra che ho.
P.s. Non siate troppo felici di vedermi così tranquillo nella prefazione, vi odio comunque.

napoli_5y583.T0

 

1# Usare sempre lo stesso segnalibro 

Il segnalibro è più di un fedele compagno, è il vostro unico amico. Vi accompagna in ogni vostra lettura ed evita che le pagine si rovinino con le pieghette fastidiose che molti di voi fanno sulle pagine. Può essere per il lettore simbolo di un avvenimento importante o magari ricordo della lettura di un libro che vi è rimasto nel cuore. Allora usare questo segnalibro diventa una sorta di auspicio o che sia l’ultima cosa che vediate prima di posare il libro e di andare a dormire.

2# Scegliere il prossimo libro da leggere in base al suo profumo 

La copertina mente, l’odore mai. Forse questo punto è più dedicato alle donne. Basta andare in una qualsiasi libreria per notare fanciulle che, tentando malissimo di non farsi notare, odorano le pagine del libro, giudicando il suo futuro in base all’esito dello “sniffo”, un po’ come facciamo noi uomini con le dita dopo esserci grattati il culo insomma. Ovvio, molte volte si odora un libro per la lavorazione delle pagine o semplicemente il tipo di carta utilizzata, ci sono libri che emanano un profumo diverso da quelli di altri. Diciamo che nella maggior parte dei casi si stabilisce una connessione immediata.

3# Fare essiccare alcuni fiori tra le pagine del libro 

Un’altra pratica più comune più tra le ragazze che tra i ragazzi. Far essiccare un fiore fra le pagine di un libro, imprimerà il suo odore su di esse rendendo la storia ancora più magica. Attenzione solamente a non scegliere fiori che possano rovinare le pagine. Consiglio le margherite ad esempio.

4# Decidere un giorno alla settimana dedicato alla lettura 

Non importa se quel giorno sta per nascere vostro figlio, se l’Italia è alla finale dei mondiali o se sta bruciando casa vostra. Voi quella giornata la impiegherete per la lettura e chi non lo capisce non merita il vostro affetto. Il tempo per leggere si deve trovare sempre.

5# Usare i mezzi pubblici solo per leggere

Tutti abbiamo dei luoghi preferiti per leggere e ammetto di aver conosciuto persone che, oltre alla comodità di non avere il pensiero della macchina, utilizzano i mezzi solo per avere attimi in più per poter leggere. Molti potranno obiettare sul fatto di leggere in luoghi caotici, ma sappiamo tutti che ci vuol poco per isolarsi dal mondo.

6# Il titolo deve trasmettere pensieri positivi

Forse “positivi” è un termine errato, ma quando scegliamo di valutare un libro, lo facciamo spesso dal titolo e quello deve essere “lì per noi”. Il titolo deve trasmettere qualcosa di adatto al momento in cui lo stiamo guardando, altrimenti non lo si valuta.

7# Non interrompere la lettura se non a fine capitolo

Un lettore che chiude il libro a metà del capitolo finirà nell’inferno dantesco, garantisco io. Qualsiasi sia l’impegno, qualsiasi sia la necessità, qualsiasi sia il pericolo, questo tipo di lettore attenderà fino a quando non sarà finito quel dannatissimo capitolo prima di smettere di leggere. E voi, per cortesia, portate rispetto a questa nobile scaramanzia.

8# Non dire a nessuno il libro che si sta leggendo 

Probabilmente è più una tutela dagli spoiler delle persone…si…persone orribili. Però oltre a questo, anche dire che libro si sta leggendo alla persona più fidata, potrebbe far trapelare commenti che detti in un certo modo potrebbero toglierci il gusto della sorpresa. “Uuuh continua a leggerlo che poi diventa una figata”, già da questo capisco che ci sarà un colpo di scena…stai zitto no? Se proprio la persona insiste, usate un titolo che avete già letto per rispondere a questo individuo, almeno si sentirà realizzato.

9# Leggere l’ultima parola di un libro prima di iniziare a leggerlo 

Non sono l’unico ad avere questa fissa. Ammetto di aver smesso per un periodo quando la parola finale mi ha spoilerato tutto il romanzo, ma fortunatamente raramente capita. Credo sia una sorta di goduria nel vedere a che parola si arriverà per poi darne un senso, almeno per me era così. Ricordatevi solo di leggere unicamente la parola, non soffermatevi sulla frase o vi fustigherete a morte per fare penitenza.

10# Scegliere la musica adatta per accompagnare la lettura 

Nell’ultimo periodo gli audiolibri si stanno evolvendo con la promessa di trascinare il lettore all’interno del libro attraverso rumori ambientali e contestuali alla storia che racconta. Oltre a questo, vedere il connubio fra lettura e musica mi fa partire una sorta di orgasmo. Ogni libro ha la sua atmosfera e una musica, preferibilmente non cantata, può solo aiutare ad immergersi nelle parole che abbiamo davanti agli occhi. Moltissimi lettori senza musica ormai non riescono più a godere pienamente della lettura e li capisco.

 

Sapete, come sempre mi piace cazzeggiare su internet. Mai nessun luogo è stato così meravigliosamente
Libri gratuiti alle fermate dei mezzi di trasporto. Questa fantastica iniziativa è stata pensata ed
Vi ricordiamo che grazie alla nostra partnership con Amazon avete la possibilità di acquistare i
Vi mancavano le mie guide eh? Cani. Eccomi, sono tornato. Questo è un argomento veramente

The following two tabs change content below.

Dario Pasin

IoVoceNarrante cercava scrittori di talento, colmi di passione e con grandi capacità che volessero far notare al pubblico quanto loro valgono. Io cosa c'entro in tutto questo? Assolutamente nulla, per questo ne sono il fondatore.
Informazioni su Dario Pasin 32 Articoli

IoVoceNarrante cercava scrittori di talento, colmi di passione e con grandi capacità che volessero far notare al pubblico quanto loro valgono.
Io cosa c’entro in tutto questo? Assolutamente nulla, per questo ne sono il fondatore.

Contatto: Facebook

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


error: Content is protected by copywright !!