Dalla parola all’immagine: Polina e le due facce della danza

Bastien Vivés Polina

Il mondo della danza è affascinante e magico. Vedere le ballerine sul palco, con tutta la loro tecnica è uno spettacolo emotivamente coinvolgente. Però si sa, che dietro a quella perfezione estetica c’è fatica, sudore e sacrifici molto spesso molto lontani dalla bellezza che invece viene portata sul palco.
Lo abbiamo visto nel mondo del cinema e delle serie tv, che con realismo ci hanno fatto avvicinare al dietro le quinte del mondo della danza e oggi lo vediamo anche con la graphic novel. Il talentuoso e giovanissimo fumettista francese Bastien Vivés, mette in scena Polina, ispirato alla vita della etoile dello Staatballet di Berlino, Poulina Semionova.
Qui, racconta di una ballerina russa di danza classica, con un carattere tenace, ma insicuro, minacciato da crisi esistenziali, pasisioni e amori in una vita che la sta portando a diventare adulta. Da subito, è facile rimanere colpiti dal personaggio di Poline, che ha tutti i caratteri distintivi per riflettere quello che siamo anche noi, a volte tenaci e imbattibili, a volte delicati, da maneggiare con cura, come una bolla di sapone. Polina, riuscirà a capire come essere nella vita e come ballare. Fondamentale, il suo incontro con Bojinski, insegnante molto temuto e suo padre putativo.

Bastien Vivés Polina
Vivés, ha scelto per questo lavoro, il bianco e nero, una scelta perfetta, per rendere al lettore la durezza di questo mondo artistico. La contrapposizione del bianco e nero fa capire che è un mondo in cui non esistono sfumature, si deve scegliere se stare dentro a pieno, brillando, o stare fuori e non essere nessuno. E se non si è in grado si scegliere, allora sarà qualcun altro a scegliere.
Un mondo difficile e talvolta senza pietà, che viene raccontato qui, con una protagonista a cui è facile voler bene, che ci rende immediata la comprensione di questo mondo e delle sue logiche.
Ci troviamo di fronte ad un caso in cui l’arte della graphic novel incontra un’altra arte:  così, è già successo con il fumettista francese Etienne Davodeau, che nella sua opera Gli ignoranti, incontra un produttore di vino biologico francese e racconta il loro anno di lavoro e scambio di esperienze.
La graphic novel, riesce, di nuovo, attraverso le immagini a trasformare la conoscenza di un mondo in un’esperienza dove noi siamo i viaggiatori e possiamo scegliere dove fermarci.
Oggi, ci fermiamo su un palco e sorridiamo con armonia di fronte ad un pubblico anche se a volte, sentiamo male dentro.
Questa è la danza, questo è Polina.

 

“Da quanto tempo è lì dentro?” “Boh, credo da ieri mattina” “Quindi da un giorno
Non ci credo. Se ne è andato. Se ne è andato proprio. Ha allargato la
Dal riflesso del vetro di questa finestra le mie occhiaie sembrano ancora più grigie di
Io non capisco perchè le persone ascoltano la musica in luoghi pubblici senza cuffie. Ma
Ho notato che le giornate si sono lievemente allungate. Le 4 e mezza del pomeriggio

The following two tabs change content below.

Eva Pettinicchio

Eva Pettinicchio, nata il 12 Agosto del 1990. Si è laureata in Economia e gestione dei beni culturali per mescolare la tecnica gestionale ad una grande passione per l’arte e la cultura di ogni tipologia. Considera il mondo del cinema e delle serie tv come una coperta di Linus da portarsi in giro a scuola e sul lavoro per sentirsi a proprio agio. Scrive per sentirsi bene e ascolta certa musica come se fosse una boccata di ossigeno puro dopo una scalata in alta montagna.

Ultimi post di Eva Pettinicchio (vedi tutti)

Informazioni su Eva Pettinicchio 51 Articoli

Eva Pettinicchio, nata il 12 Agosto del 1990. Si è laureata in Economia e gestione dei beni culturali per mescolare la tecnica gestionale ad una grande passione per l’arte e la cultura di ogni tipologia. Considera il mondo del cinema e delle serie tv come una coperta di Linus da portarsi in giro a scuola e sul lavoro per sentirsi a proprio agio. Scrive per sentirsi bene e ascolta certa musica come se fosse una boccata di ossigeno puro dopo una scalata in alta montagna.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


error: Content is protected by copywright !!