Dalla parola all’immagine: Habitat

Habitat

Il disagio politico e sociale vissuto dai giovani di oggi, si percepisce chiaramente. Lo si vive, lo si legge, lo si vede. E quando si parla di un giovane ragazzo che vive a Bologna con la sua ragazza in uno di quei appartamenti affitati in nero, con le agitazioni sociali e politiche che imperversano in città, questo disagio appare sempre più chiaro.

Habitat di Raffaele Sorrentino ci porta in una realtà dove non sembra più esistere il reale.

Questa è la storia di Habitat, un fumetto indipendente firmato da Raffaele Sorrentino, che ci mette di fronte ai disagi giovanili, ma soprattutto al disagio del giovane protagonista. Lui è Gabriele, vive con Giulia e quello che sta succedendo nella sua vita e nella sua città va ad intaccare fortemente la sua mente e la sua stabilità. Una pazzia che lo porta ad allontanarsi dalla realtà, senza quasi riconoscerla più. Il confine tra ciò che lo angoscia e ciò che vive davvero non esiste più. Così Gabriele diventa protagonista di un incubo terrificante, ma per nulla surreale.

Habitat

Habitat ci pone di fronte ad un conflitto, profondo e drammatico. Per quanto in questa graphic novel questo cofnlitto sia enfatizzato e sia inserito in un contesto socio politico enfatizzato, in realtà non è nulla di lontano da quanto ci può accadere nel quotidiano.
Le nostre crisi le viviamo, soprattutto se siamo sulla ventina e se la vita appare più complicata di quanto pensiamo di gestire. Abbiamo già affrontato i drammi giovanili in Va tutto bene  di Alberto Madrigal, dove un gruppo di giovani prova a cercare fortuna a Berlino e per loro non è esattamente facile.
Quindi, qui, Gabriele diventa un altro ritratto di questa generazione di giovani in difficoltà, che a volte si perdono e questo senso di vuoto li porta in un’altra dimensione.
Un eroe giovane e moderno che cerca di combattere contro i cattivi, quelli veri. Quelli di tutti i giorni, quelli dell’affitto che non si riesce a pagare, della società che cambia e in cui non ci riconosciamo più, dell’amore della nostra vita che sta con noi e a volte è l’unica cosa che ci tiene su.
Quindi se Gabriele è un eroe, con le sue sfide, i suoi conflitti e i suoi drammi, allora siamo eroi anche noi.
E se pensiamo così, allora sembra tutto meno difficile.

Nel 1997 la fumettista giapponese Moyoco Anno, pubblica Questo non è il mio corpo un manga
Di notte vi capita mai di alzare il naso verso il vielo e guardare cosa
Una storia d'amore a ritmo di musica. Non è un'accoppiata insolita, anzi, è un classico
La solitudine, questa grande conosciuta. La nostra compagna, che se ne va, ma torna sempre.
Il settimo splendore, lo sappiamo, ci riporta con la memoria a Dante e al suo

The following two tabs change content below.

Eva Pettinicchio

Eva Pettinicchio, nata il 12 Agosto del 1990. Si è laureata in Economia e gestione dei beni culturali per mescolare la tecnica gestionale ad una grande passione per l’arte e la cultura di ogni tipologia. Considera il mondo del cinema e delle serie tv come una coperta di Linus da portarsi in giro a scuola e sul lavoro per sentirsi a proprio agio. Scrive per sentirsi bene e ascolta certa musica come se fosse una boccata di ossigeno puro dopo una scalata in alta montagna.

Ultimi post di Eva Pettinicchio (vedi tutti)

Informazioni su Eva Pettinicchio 51 Articoli

Eva Pettinicchio, nata il 12 Agosto del 1990. Si è laureata in Economia e gestione dei beni culturali per mescolare la tecnica gestionale ad una grande passione per l’arte e la cultura di ogni tipologia. Considera il mondo del cinema e delle serie tv come una coperta di Linus da portarsi in giro a scuola e sul lavoro per sentirsi a proprio agio. Scrive per sentirsi bene e ascolta certa musica come se fosse una boccata di ossigeno puro dopo una scalata in alta montagna.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


error: Content is protected by copywright !!