Cinquemila chilometri al secondo di Manuele Fior

Manuele Fior

Cinquemila chilometri al secondo è il titolo, già molto intenso, della graphic novel protagonista di questo nuovo appuntamento. Senza sapere la trama di quest’opera, questo titolo che cosa ci fa venire in mente?
Sicuramente qualcosa di rapido, così rapido che quando accade facciamo fatica a rendercene conto e a fermarlo. Però questa rapidità è in grado di sconvolgerci, minare la nostra stabilità.
Il tema che sta alla base di questa sensazione è l’amore, ovviamente. Un amore complicato e trattato dall’autore con grande delicatezza.
L’autore chiamato in causa è Manuele Fior, nato a Cesena, è vissuto in Germania, ora vive a Parigi, è un illustratore italiano e il suo grande tallendo gli ha permesso di affermarsi anche a livello internazionale.
Questa sua opera è uno dei suoi lavori meglio riusciti, grazie anche al suo inconfondibile tratto netto e il colore dell’acquarello che insieme, riescono a delineare i personaggi e il loro stato d’animo.

Manuele Fior
Qui i protagonisti sono Piero, Lucia e Nicola, amici che si incontrano durante il periodo dell’adolescenza e le loro vite sono destinate a incrociarsi di nuovo, anche in età adulta. Piero e Lucia si innamorano, ma tra loro c’è una distanza che li divide. Lucia vive in Norvegia e Piero in Egitto, due Stati così diversi tra loro, per posizione e temperatura, diventano una metafora della loro relazione. Relazione, in cui si ritrova anche Nicola, nell’epilogo della storia. Si tratta di una storia d’amore complicata, non perché coinvolge tre amici, ma perché sono complicati i tempi in cui questa si svolge: i nostri tempi.
Questo è un amore vissuto nelle relazioni del giorno d’oggi, quelle che è molto probabile che vengano consumate a distanza, quelle che si sviluppano tra persone che non sono ancora mature, nonostante l’età anagrafica.
E questo titolo, che dà l’idea della rapidità e di qualcosa che cambia, in realtà in questa graphic novel si scopre essere un gioco dell’autore. Qui, sembra che tutto rimanga statico, che i personaggi abbiano difficoltà a cambiare e a allontanarsi dalle loro radici, nonostante ci sia un tentativo di dinamismo tramite i viaggi di Piero e Lucia.
Tutto questo è enfatizzato dall’immagine, che si sostituisce in quest’opera a qualsiasi parola: i colori cambiano, che si tratti di Piero in Egitto, terre e gialli, che si tratti di Lucia in Norvegia, verdi e blu. E poi continua, con il nuovo incontro dei due protagonisti, accompagnato dalla pioggia e da colori nuovamente freddi, volutamente tirati e slavati dalla forza dell’acquarello.

Manuele Fior

Un’opera così strutturata riguarda tutti noi, che siamo adolescenti o adulti poco importa. Perché a volte quando si tratta d’amore e di sentimenti, abbiamo tutti la stessa età.
Ci comportiamo tutti allo stesso modo, viviamo le stesse emozioni, molto spesso con la stessa immaturità. Quindi non ci resta che lasciarci andare totalmente a quello che viviamo oppure staccarlo da noi, sezionarlo e fare in modo che ci serva da lezione, per la prossima volta. Perché ci sarà sempre una prossima volta.

Cinquemila chilometri al secondo

“Da quanto tempo è lì dentro?” “Boh, credo da ieri mattina” “Quindi da un giorno
Non ci credo. Se ne è andato. Se ne è andato proprio. Ha allargato la
Dal riflesso del vetro di questa finestra le mie occhiaie sembrano ancora più grigie di
Io non capisco perchè le persone ascoltano la musica in luoghi pubblici senza cuffie. Ma
Ho notato che le giornate si sono lievemente allungate. Le 4 e mezza del pomeriggio

The following two tabs change content below.

Eva Pettinicchio

Eva Pettinicchio, nata il 12 Agosto del 1990. Si è laureata in Economia e gestione dei beni culturali per mescolare la tecnica gestionale ad una grande passione per l’arte e la cultura di ogni tipologia. Considera il mondo del cinema e delle serie tv come una coperta di Linus da portarsi in giro a scuola e sul lavoro per sentirsi a proprio agio. Scrive per sentirsi bene e ascolta certa musica come se fosse una boccata di ossigeno puro dopo una scalata in alta montagna.

Ultimi post di Eva Pettinicchio (vedi tutti)

Informazioni su Eva Pettinicchio 50 Articoli

Eva Pettinicchio, nata il 12 Agosto del 1990. Si è laureata in Economia e gestione dei beni culturali per mescolare la tecnica gestionale ad una grande passione per l’arte e la cultura di ogni tipologia. Considera il mondo del cinema e delle serie tv come una coperta di Linus da portarsi in giro a scuola e sul lavoro per sentirsi a proprio agio. Scrive per sentirsi bene e ascolta certa musica come se fosse una boccata di ossigeno puro dopo una scalata in alta montagna.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


error: Content is protected by copywright !!