C’era una volta Once Upon a Time: luna piena rosso sangue

C’era una volta Once Upon a Time: luna piena rosso sangue

Cappuccetto Rosso alzò gli occhi e quando vide i raggi del sole filtrare attraverso gli alberi, e tutto intorno pieno di bei fiori, pensò: Se porto alla nonna un mazzo di fiori, le farà piacere; è così presto che arrivo ancora in tempo. E corse nel bosco in cerca di fiori.
– Tratto da “Cappuccetto Rosso” dei Fratelli Grimm (1857)

charles-perrault-cappuccetto-rosso
Illustrazione di Charles Perrault

C’era una volta, fra bocche di leone e margherite appena sbocciate,
una piccola bambina dal mantello rosso come il sangue.
Il suo nome era Cappuccetto Rosso.

Chi di voi non ha avuto un genitore, un nonno o una nonna, o un parente qualsiasi che vi abbia detto “Se non fai la brava arriva il lupo cattivo che ti mangia!” alzi la mano.
Bene. Io la alzo, dato che la minaccia preferita dei miei genitori era un “Se non la pianti ti mando in collegio“, ovviamente più efficace di un lupo, ammettiamolo… ma molti miei vecchi amichetti erano perseguitati da questo dannato lupo che avrebbe dovuto mangiarli, ma che, in verità, come vuole ogni fiaba per bambini, ha fatto lui stesso la brutta fine.
little_red_riding_hood_by_dav_19-d3csyzaNonostante da bambini ci abbiano spaventato con questo lupo cattivo, il tempo e i media ci hanno portato ad amare questi animali e le leggende che si celano dietro al loro manto di pelo che brilla alla luna. Insomma, chi non ama la storia dei licantropi, della luna piena, dell’argento come arma per ucciderli e via dicendo?

Ecco. Cappuccetto Rosso, quella di Perrault o quella dei Fratelli Grimm non era altro che una tenera bambina che amava la sua nonna, un po’ disubbidiente, un po’ curiosa… ma quella di Once Upon a Time non è proprio una fanciulla così ingenua, ma un licantropo. Eh, sì. Come tutti voi Oncers sapete, Ruby è un lupo mannaro, proprio quello che avrebbe dovuto venire a mangiarvi quando da piccoli non ubbidivate a mamma e a papà.

Ma chi è in verità la vera Cappuccetto Rosso? Di versione non ne esiste solamente una, anche se certamente la più famosa è quella dei Fratelli Grimm, contenuta nella loro raccolta “Fiabe e risale agli anni fra il 1812 e il 1822. Questa è la versione più conosciuta, la versione in cui la piccola bambina viene salvata dal cacciatore assieme alla nonna.

Ma ne esiste anche un’altra, quella di Charles Perrault dove la fiaba non termina proprio come ci aspettiamo. Nella sua raccolta “I racconti di mamma oca“, Perrault non fa salvare la bambina dal cacciatore, ma la fa divorare dal lupo, inserendo una morale secondo la quale le giovani non debbano fermarsi e dare confidenza agli estranei “perché dei lupi ce n’è dappertutto e di diverse specie, e i più pericolosi sono appunto quelli che hanno faccia di persone garbate e piene di complimenti e di belle maniere” (traduzione di Collodi).

ChaperonRouge
Illustrazione di Gustave Doré, 1864

Ovviamente, come anche per Cenerentola o Biancaneve, ci sono altre varianti molto più truculenti e addirittura cannibali di questa antica storia, che si discostano completamente dalle versioni più classiche e per bambini. In una versione, con astuzia, il lupo invita la bambina a mangiare i resti della nonna, sfumatura cruda presente in tutte le versioni antiche della fiaba, come in “Fiabe Italiane” raccolte da Italo Calvino. In queste versioni, Cappuccetto Rosso è l’unica a salvarsi, quasi stesse a significare la crescita del bambino all’età più adulta.

Ma in realtà, la vera conclusione di “Cappuccetto Rosso” finisce con un lieto fine per la piccola bambina, che si salva dal lupo, senza l’aiuto del cacciatore o di qualsiasi figura messale. Nelle versioni antiche, la morale di Perrault non viene sfruttata, ma viene premiata la furbizia e la capacità di farcela con le proprie forze.

Una piccola curiosità: in una versione della storia non compariva nemmeno un lupo, bensì l’orca pelosa!

Ruby
Red Ridin Hood, Once Upon a Time, Meghan Ory

Ma allora perché in Once Upon a Time, Adam ed Eddy hanno voluto trasformare la giovane Ruby, la bella Cappuccetto Rosso, in un licantropo?

In realtà, il personaggio televisivo e quello delle fiabe non sono poi così differenti, solo che la nostra Ruby impersona sia il bene che il male, sia il coraggio che l’imprudenza di una fanciulla. Dentro Ruby c’è l’estenuante lotta della crescita e dello scoprire le proprie radici.
Un po’ come se il lupo dentro di lei fosse il male, le tentazioni, un’indomito essere che non rispettava le regole. Era la voglia di libertà. Mentre, dall’altra parte, di giorno, avevamo la nostra Cappuccetto Rosso, ignara di essere nata come licantropo e tenuta all’oscuro dalla nonna che voleva salvaguardare la sua innocenza e la sua purezza.

Ma, pian piano, tutti dobbiamo affrontare le nostre paure. E così anche Ruby, scoperta la verità, sceglie di sconfiggerle da sola, senza l’aiuto di alcun cacciatore, forte solo di se stessa e dell’amicizia di Biancaneve.

Un particolare che lega molto la storia originale di Capputto Rosso con questo personaggio, è proprio la sua forza, l’astuzia e la capacità di salvarsi da sola. Ruby, infatti, è uno dei pochissimi personaggi di Once Upon a Time a non aver ricorso al potere oscuro di Tremotino. Da sola ha scoperto chi era la sua famiglia, da sola ha lottato per salvarsi e salvare chi ama nel momento in cui la sua stessa madre le si stava rivoltando contro.

once-upon-a-time-snow-and-ruby
Snow Withe and Ruby, Red Ridin Hood

L’unico aiuto che il Signore Oscuro lei ha dato o, meglio, ha dato alla nonna di Ruby, è quel mantello rosso sangue, da lì: Cappuccetto Rosso. rubyIl mantello è cucito con la magia e, una volta indossato, le permette di restare in forma umana anche durante le notti di luna piena, ma come è accaduto nella storia antica di questo personaggio,
Ruby si salva, dall’oscurità e da se stessa, riuscendo a domare il lupo che c’era in lei, facendolo diventare un alleato e non più una tentazione truculenta e violenta che avrebbe portato solo morti
.

Tu sei Frankenstein e io sono un lupo mannaro:
non è una conversazione normale, non è vero?

– Ruby al Dottor Whale, Episodio 2×12 “In the name of the brother”

Lei, che aveva ucciso il suo primo amore, nonostante avesse fatto di tutto per salvarlo.
Lei, che si considera un mostro, ma siede al tavolo rotondo degli eroi.
Lei, che ha scelto la sua strada e ritornare nella Enchanted Forest per sentirsi finalmente libera.

 

Grazie, da mostro a mostro.”
– Dottor Whale a Ruby, Episodio 2×12 “In the name of the brother”

 

Ruby, per quanto sia stata abbandonata in queste ultime serie, è uno dei personaggi più forti che hanno preso parte a questa immensa ed intrecciata fiaba. Una ragazza come altre, un simbolo di quello che ognuno di noi dovrebbe essere: forte, tenace e in grado di badare a se stesso, sconfiggendo paure e superando ostacoli insormontabili. Ruby, o Cappuccetto Rosso, merita tanto. Ma, purtroppo, è stata lasciata in un angolo e fatta pian piano scappare, fuori dalle mura di Storybrooke e via, libera fra le sconfinate distese della Foresta Incantata. Diciamolo: Adam, Eddy avete fatto una cavolata! Dovevate tenervela stretta!

Ruby-promotional photo

Ringrazio, come ogni mercoledì, tutti i sognatori o gli Oncers che hanno dedicato qualche minuto per leggere questa rubrica e vi lascio con un video in lingua originale tratto dall’episodio 2×12 “In name of the brother”, la breve scena fra Ruby e il dottor Whale… insomma, sarebbe o non sarebbe stata una bella ship?! …ecco, ora tornerò a farmi film mentali e scrivere fanfiction su di loro. Che amarezza!

Buona visione! 😉
…e vi ricordo di seguire la pagina facebook Emma & Killian #Colifer.

 

Cappuccetto Rosso

Disclaimer: I personaggi di seguito descritti sono stati ideati da Adam Horowitz ed Eddy Kitsis
SPOILER ALERT! L'articolo potrebbe contenere spoiler per chi non segue la programmazione americana. "Non perdere
"Buona sera, madamigella mugnaia, perché piangi tanto?" "Ah," rispose la fanciulla, "devo filare l'oro dalla
“Lei sta volando là dove lo sciame è più spesso. Lei è il più grande
"...il nostro amore non cesserà mai di esistere, ma si conserverà intatto  fino al giorno

The following two tabs change content below.
Adoro leggere, collezionare libri e ordinarli per genere nella mia libreria stracolma di intrighi e storia. Ho una relazione complicata con le serie tv e con i finali di stagione, soprattutto se finiscono con uno dei miei personaggi preferiti morti o, peggio, fra la vita e la morte. Cosa che mi rende particolarmente nervosa per i giorni successivi. Ma l'amore della mia vita, il mio vero amore, è la scrittura, la carta e la penna che assieme alla fantasia creano infinite avventure e miriadi di mondi affascinanti.

Ultimi post di Lara Gussoni (vedi tutti)

Informazioni su Lara Gussoni 58 Articoli
Adoro leggere, collezionare libri e ordinarli per genere nella mia libreria stracolma di intrighi e storia. Ho una relazione complicata con le serie tv e con i finali di stagione, soprattutto se finiscono con uno dei miei personaggi preferiti morti o, peggio, fra la vita e la morte. Cosa che mi rende particolarmente nervosa per i giorni successivi. Ma l'amore della mia vita, il mio vero amore, è la scrittura, la carta e la penna che assieme alla fantasia creano infinite avventure e miriadi di mondi affascinanti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


error: Content is protected by copywright !!